mascherine

Mascherine chirurgiche a prezzo calmierato

Mascherine chirurgiche a prezzo calmierato solo nel 45% dei punti vendita. Guanti monouso quasi introvabili. Mascherine lavabili presenti in circa un terzo dei supermercati e quasi la metà delle farmacie a un prezzo medio che sfiora i 5 euro. Su mascherine e guanti la situazione delle città italiane è molto eterogenea. Ancora si segnalano grandi differenze nella disponibilità delle chirurgiche a prezzo calmierato (si trovano nel 70% dei punti vendita a Genova, sono irreperibili a Potenza) che quando arrivano vanno letteralmente a ruba.

Mascherine e guanti, l’indagine su farmacie e supermercati

Mascherine e guanti sono reperibili per le famiglie? E a quale prezzo? Sono le domande cui cerca di rispondere il Centro Studi Nazionale IRCAF nella sua seconda indagine nazionale su farmacie e supermercati nelle città capoluogo. La ricerca è stata fatta questa settimana su un campione di 260 punti vendite contattati telefonicamente, fra i quali 151 farmacie e 109 supermercati. 253 i punti vendita che hanno risposto.

«Il calmieramento del prezzo delle mascherine chirurgiche da parte del Governo – dice il Centro Studi – oltre a comportare un risparmio per le famiglie e per la società nel suo insieme risulta indubbiamente positivo al fine di combattere comportamenti speculativi e fraudolenti, ma occorre superare al più presto e con tutti i mezzi possibili i limiti di discontinuità ed inadeguato approvvigionamento».

 

Mascherine e Fase 2
Mascherine

 

Mascherine chirurgiche a prezzo calmierato

«Solo nel 61% dei punti vendita si trovano mascherine chirurgiche monouso o usa e getta; di queste il 16% è posto in vendita al prezzo medio nazionale di 1,29 centesimi di euro (tre settimane fa alla 1°Indagine nazionale era a 1,59 cent.di euro), mentre il 45 % sono acquistabili al prezzo calmierato di 0.61 centesimi di euro. Da martedì 19/5 scorso tale costo è passato a 0,50 cent di euro a seguito dell’azzeramento dell’ IVA grazie al Decreto Rilancio».

Meno della metà dei punti vendita, in media, ha le mascherine a prezzo calmierato, presenti nel 53% delle farmacie e in circa un supermercato su tre.

Le differenze fra città sono molte: le mascherine a prezzo calmierato risultano presenti nel 70% dei casi a Genova, (mentre in occasione dell’indagine precedente in questa città erano introvabili), nel 67% a Catanzaro, Cagliari, Bologna, nel 63% Perugia e Venezia, nel 60% Milano e Aquila e Trieste, nel 48% Roma, 45% Torino, 42% Napoli e, con percentuali quasi inesistenti, a Palermo, Bari e Potenza.

C’è naturalmente una forte richiesta da parte dei cittadini. Quasi tutti i punti vendita hanno fatto presente che “quando arrivano le mascherine chirurgiche a prezzo calmierato vanno subito a ruba”.

 

grafico mascherine
Mascherine a prezzo calmierato. Fonte: IRCAF 2020

 

Mascherine lavabili e FFP2

Le mascherine lavabili sono presenti nel nel 49% delle farmacie (nell’indagine precedente era al 30%), e nel 33% dei supermercati. Il prezzo medio è di 4,90 euro l’una ma sono prodotti molto diversi fra loro per caratteristiche, tessuto, lavaggi consentiti. Impossibile confrontarle.

Le mascherine filtranti senza valvola sono presenti invece nel 57% delle farmacie sentite (rispetto al 68% della indagine precedente) e solo nel  10% dei supermercati. Hanno un costo che sfiora in media i 7 euro l’una (si va da 6,83 euro in farmacia a 5,43 euro nei supermercati).

 

mascherine ffp2
Mascherine FFP2. Fonte: IRCAF 2020

 

Guanti in lattice

La situazione è più critica per i guanti in lattice, che sono diventati sempre più difficili da trovare. Solo nel 15% dei punti vendita sono reperibili (nel 15 % delle farmacie e nel 12% dei supermercati). Il prezzo medio è di 0,57 euro al paio, ma l’analisi dei dati mostra forti differenze (0,89 euro nelle farmacie e 0,42 euro nei supermercati).

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)