bagarinaggio online

Bagarinaggio online condanna Agcom a piattaforme di rivendita biglietti

Duro colpo al bagarinaggio online. L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni sanzionando i tre principali siti di rivendita di biglietti di eventi e concerti (Viagogo, Stubhub e Mywayticket) per un totale di 5.580.000 euro, diffidandoli dal porre in essere ulteriori comportamenti in violazione delle disposizioni di legge.

Tra gli eventi per i quali sono stati venduti biglietti a prezzi non consentiti vi sono i concerti di Vasco Rossi, Ennio Morricone, Jovanotti, Eros Ramazzotti, Elton John, Jack Savoretti, Def Leppard, Elisa, Laura Pausini e Biagio Antonacci, The Giornalisti, e gli spettacoli di Maurizio Battista. Tutti gli eventi interessati dalle violazioni si sono svolti tra marzo e settembre 2019.

La condotta sleale delle piattaforme

Dalle indagine fatte, è stato rilevato che le tre società messo in vendita biglietti per spettacoli e concerti ad un prezzo superiore al prezzo nominale. Tale pratica, in violazione della normativa, ha anche l’effetto di inflazionare i prezzi dei biglietti e di creare scarsità artificiale di titoli di accesso agli spettacoli a danno degli utenti e della comunità degli artisti, degli organizzatori di eventi e dei rivenditori primari.

Secondary ticket, niente multa a Viagogo
Concerti e secondary ticketing

Dagli atti del procedimento è emerso che le società non si limitavano a connettere i potenziali venditori e acquirenti al solo fine di facilitare le transazioni economiche, ma avevano come obiettivo la promozione di eventi, con la finalità di massimizzare il numero e il prezzo dei biglietti venduti, ponendosi così anche in concorrenza con i venditori nel mercato primario e con gli organizzatori di eventi.

Le sanzioni di Agcom

Al termine dell’attività istruttoria, svolta anche con l’ausilio della Guardia di finanza e della Polizia Postale ed avviata a seguito di numerose segnalazioni ricevute da operatori ed associazioni del settore, Viagogo è stato sanzionato per euro 3.700.000, Stubhub per euro 1.750.000 e Mywayticket per euro 130.000.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha sanzionato i tre principali siti di rivendita di biglietti di eventi e concerti Viagogo, Stubhub e Mywayticket per un totale di 5.580.000 euro per aver messo in vendit biglietti per spettacoli e concerti ad un prezzo superiore al prezzo nominale.

UNC, finalmente una condanna per il bagarinaggio online

“Finalmente la condanna”, afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, l’associazione che per prima aveva sollevato il problema del secondary ticketing, presentando il primo esposto all’Antitrust.

“E’ incredibile che il bagarinaggio online prosegua nonostante le condanne dell’Antritrust e l’intervento del legislatore che ha comunque messo un freno a queste intollerabili e odiose speculazioni“, prosegue Dona.

“Prosegue, quindi, la battaglia contro questi rincari insopportabili. Chi va ad un concerto ha diritto di pagare il giusto prezzo del biglietto, senza ricarichi ingiustificati ed illegali”.

Codacons, ora procedere con i rimborsi

Plaude alla decisione dell’Agcom anche il Codacons che negli ultimi due anni ha presentato decine di esposti contro il secondary ticketing.

“L’intervento odierno dell’Agcom appare tardivo perché i siti sanzionati hanno continuato a vendere nel tempo biglietti a prezzi elevati, ottenendo enormi guadagni che potevano essere bloccati oscurando in modo tempestivo i siti internet segnalati. Appare ora evidente che, alla luce della sanzione dell’Autorità, tutti i soggetti che hanno acquistato biglietti a prezzi maggiorati per concerti o altri eventi, devono essere rimborsati delle maggiori somme spese”.

In tal senso il Codacons sta studiando le possibili azioni legali in favore dei consumatori, che per avere info e aggiornamenti possono contattare lo staff dell’associazione al numero 89349966 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 17.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)