Parchi acquatici, divertirsi non costa poco (foto pixabay)

Parchi acquatici, perché no? Una giornata fuori casa, fra scivoli d’acqua e relax, piscine e divertimento, può essere la soluzione di giornata per quanti non partiranno per lunghe vacanze ma faranno gite mordi e fuggi, vacanze brevi, veloci incursioni verso la costa o pause di un paio di giorni per le vacanze dell’estate 2022 (come sembrano confermare le tendenze fotografate da Confcommercio-Swg). Una giornata al parco acquatico è una soluzione “vicina” in termini di distanze, di giornata, ma non proprio economica. Secondo lo studio dell’Osservatorio nazionale Federconsumatori, che ha fatto un’analisi dei costi medi dei parchi acquatici, una famiglia di quattro persone arriva a mettere in conto un costo di circa 200 euro per trascorrere una intera giornata in un parco.

Certo, nei costi c’è molto: ci sono i biglietti di ingresso (questi ultimi con prezzi in ribasso), tutte le consumazioni di giornata (caffè, colazione, gelati e panini) e anche un paio di voci non necessariamente da mettere in conto a ogni giornata fuori casa – il costo di giornali e riviste e quello delle creme solari, di cui magari la famiglia sarà già provvista.

anche scremando un po’ i dati dell’analisi, viene fuori che comunque una giornata al parco acquatico può costare per una famiglia di due adulti e due ragazzi intorno ai 142 euro – una cifra non di poco conto. Interessante è la tendenza identificata da Federconsumatori: scende il costo dei biglietti di ingresso mentre aumenta quello dei prodotti da acquistare nel parco, dal bar a ristorante.

 

delfini
Parchi acquatici, si riparte (giugno 2021)

 

Parchi acquatici, i costi dell’estate 2022

Sarà un’estate di rincari anche per le vacanze brevi e le gite di giornata. Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio Osservatorio Nazionale Federconsumatori chi sceglierà di trascorrere una giornata al mare dovrà fare i conti con aumenti medi del 4-5%, chi invece deciderà di trascorrerla in un parco acquatico dovrà sostenere costi in linea con quelli del 2021.

«A fronte di una diminuzione del biglietto di ingresso (del -6% nel caso degli adulti e del -7% per i ragazzi, probabilmente nel tentativo di incentivare le presenze), aumentano tutti i servizi “collaterali e accessori”: dai prodotti per l’abbronzatura, ai caffè, a panini e gelati – dice Federconsumatori – Nei locali interni, il prezzo dei prodotti venduti aumenta nettamente rispetto all’anno precedente, seguendo le dinamiche inflattive, ma si conferma la forte differenza di costo rispetto a bar e esercizi analoghi situati al di fuori del parco. Vertiginoso è l’aumento del prezzo del caffè nei bar interni al parco: con un rialzo del +23%, mentre i panini segnano un rincaro del +17%.»

Rispetto allo scorso anno, il costo per una giornata al parco acquatico è stabile. Frutto della somma fra il leggero calo nel prezzo degli ingressi – in media 23,50 euro per un adulto e 17,60 euro per il ridotto – e il rincaro di caffè, colazione, acqua, panini e gelati.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)