lampadina

Bollette, Arera: nel primo trimestre 2022 più 131% per la luce e più 94% per il gas

Più 131% la luce, più 94% il gas: così le bollette nei primi tre mesi 2022 rispetto al primo trimestre del 2021. Sono i dati diffusi oggi dall’Arera, l’Autorità per energia reti e ambiente, in audizione al Senato.

«Pur con gli interventi straordinari da parte del Governo, nel primo trimestre 2022 sul primo trimestre 2021 si è registrato un aumento del 131% per il cliente domestico tipo di energia elettrica (da 20,06 a 46,03 centesimi di euro/kWh, tasse incluse) e del 94% per quello del gas naturale (da 70,66 a 137,32 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse)».

I prezzi in rialzo dell’energia

«La Commissione europea individua le principali cause del deciso rialzo dei prezzi energetici in Europa nell’aumento della domanda mondiale di energia connesso alla ripresa post pandemica, nonché nello squilibrio tra domanda e offerta nel mercato globale del gas naturale – da cui dipendono circa un quarto dei consumi energetici europei – e infine nell’incremento del prezzo della CO2, raddoppiato nei primi 9 mesi del 2021 ed oggi pari a quasi tre volte i livelli di inizio 2021», analizza l’Arera.

Gli aumenti del gas hanno a loro volta trascinato i prezzi dell’energia elettrica, cui si è aggiunto il minor apporto da fonti rinnovabili nell’estate 2021.

«La forte volatilità dei prezzi che contraddistingue questo periodo rende, ad avviso di questa Autorità, particolarmente difficile fornire elementi previsivi affidabili», dice l’Autorità analizzando i prezzi dell’energia.

Negli ultimi giorni le quotazioni si sono attestate intorno agli 80 €/MWh per il gas naturale e i 200 €/MWh per l’energia elettrica. Tenendo in considerazione l’imprecisione delle previsioni, per l’Arera «le quotazioni attuali del gas naturale per il 2023 e 2024 vedono rispettivamente una discesa a valori intorno a 55 €/MWh nel 2023 e 39 €/MWh nel 2024. Analogamente, per l’energia elettrica è previsto un rientro verso i 150 €/MWh nel 2023 e i 113 €/MWh nel 2024».

Gli interventi fatti, prosegue l’Arera, «hanno permesso all’Autorità di contenere gli aumenti di prezzo tramite un azzeramento degli oneri generali di sistema per i clienti domestici e le microimprese in bassa tensione, e una riduzione degli oneri stessi per tutti gli altri clienti, nonché di rafforzare lo strumento del bonus sociale per le famiglie in difficoltà economiche, in modo tale che quest’ultima categoria di utenti non risentisse dei predetti aumenti. Ne è conseguito nell’anno 2021 un beneficio per 2,5 milioni di famiglie grazie al bonus elettrico e per 1,5 milioni di nuclei familiari in virtù del bonus gas».

 

energia
Crisi energia, Assoutenti: extra-profitti e contributi valgono 40,6 mld di euro nel 2022

 

UNC: famiglie siano priorità del Governo

Le associazioni dei Consumatori accolgono questi dati con la richiesta di interventi più efficaci da parte del Governo.

I numeri dell’Autorità sugli aumenti sono «una conferma dei dati che avevamo già diffuso il 9 febbraio, in occasione della precedente audizione di Arera – afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori – Insomma, se la luce è salita del 55% e il gas del +41,8% rispetto al quarto trimestre 2021, rispetto allo scorso anno sono più che raddoppiate per la luce, 2,3 volte e quasi raddoppiate per il gas, 1,94 volte».

«Per questo urge un intervento del Governo che sia retroattivo e che, come per le imprese, riveda i prezzi a partire dal 1° gennaio 2022. Le famiglie devono essere la priorità del Governo, poi le imprese – conclude Vignola – Quanto ai Comuni hanno le risorse finanziarie per gestire i rialzi, senza considerare che molte aziende che stanno incassando extra profitti sono partecipate degli enti locali».

Codacons e Assoutenti: agire sugli extra profitti delle società di energia

Per il Codacons i dati sui rincari astronomici delle bollette di luce e gas «dimostrano la totale inadeguatezza delle misure di contrasto fin qui adottate dal Governo, e l’impatto che la crisi energetica sta avendo sulle tasche degli italiani, alle prese in questi giorni con le prime fatture di elettricità e gas relative al 2022».

«È necessario reperire risorse tassando da subito gli extra-profitti delle società dell’energia e azzerando per tutto il 2022 l’Iva e tutte le imposte e gli oneri di sistema che pesano sulle bollette di luce e gas, in modo da salvare i bilanci di famiglie e imprese», dice il presidente Carlo Rienzi.

«Di fronte agli allarmanti dati diffusi oggi da Arera, il Governo non ha più alibi e deve intervenire per finalizzare gli extra-profitti generati dalle società dell’energia nel 2022», dice Assoutenti davanti ai dati dell’Arera sugli aumenti record.

«Gli extra-profitti incamerati dalle società dell’energia grazie alla differenza tra i costi di produzione e il Pun valgono, secondo le nostre stime, la bellezza di 27,9 miliardi di euro solo nel 2022, un pozzo al quale il Governo può e deve attingere per reperire risorse da destinare alla riduzione delle bollette pagate da utenti e imprese – afferma il presidente Furio Truzzi – Non si tratta di “scippare” per decreto fondi alle aziende produttrici ma di anticipare subito risorse per fermare l’emorragia da restituire poi nei prossimi anni, quando i prezzi si saranno nuovamente abbassati».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)