smartphone servizi digitali

Proteggi i dati personali sullo smartphone?

Dati personali sullo smartphone, quasi il 20% degli europei non limita mai l’accesso

Proteggi i dati personali sullo smartphone? Alla domanda dell’Eurostat il 18% dei cittadini europei ha risposto che non ha mai limitato o rifiutato l’accesso durante l’uso o l’installazione di un’app. Via libera insomma a contatti e geolocalizzazione per quasi un quinto degli europei

Circa il 20% degli europei non ha mai limitato o rifiutato l’accesso ai propri dati personali durante l’uso o l’installazione di un’app sullo smartphone. Detto in altre parole: quasi un quinto degli europei (la percentuale nella media Ue è del 18%) ha sempre dato il via libera alle informazioni personali, a contatti o geolocalizzazione, senza preoccuparsi troppo di limitarli o rifiutarli nell’uso dello smartphone e di una qualche app.

 

grafico eurostat
Eurostat 2021

 

Proteggi i dati personali sullo smartphone?

La domanda “Proteggi i dati personali sul tuo smartphone?” dell’analisi Eurostat evidenzia che in Europa c’è una percentuale non piccola di adulti che non protegge più di tanto le informazioni personali mentre installa o usa applicazioni. Con le (usuali) differenze nazionali, per cui il paese più virtuoso è la Svezia. E forse una sorpresa per l’Italia, dove solo il 12% dei cittadini non ha mai limitato l’accesso ai dati personali nell’uso di app sullo smartphone.

I dati dell’Eurostat fanno riferimento principalmente alla situazione pre-pandemia. E riguardano la gestione dei dati personali fatta dai cittadini europei nell’uso dello smartphone e delle app. Nel 2020, l’81% dei cittadini (età 16-74 anni) nella Ue ha usato uno smartphone (nei tre mesi precedenti l’indagine, il tempo di riferimento della survey).

«Tuttavia, il 18% ha risposto che durante l’utilizzo o l’installazione di un’app sullo smartphone non ha mai limitato o rifiutato l’accesso ai dati personali, come la posizione o i contatti. Il 6% non sapeva che fosse possibile limitare o rifiutare l’accesso ai propri dati personali durante l’utilizzo o l’installazione di un’app».

La percentuale di persone che non hanno mai limitato o rifiutato tale accesso è stata più alta tra i più giovani (20% per i 16-24 anni) e più bassa tra i più anziani (14% per i 65-74 anni). I giovani insomma, sembra dire la ricerca, sembrano più propensi a dare il proprio via libera ai dati personali come quelli che permettono la geolocalizzazione e condividono i contatti nel momento in cui scaricano o usano un’app.

Dati personali sullo smartphone e differenze nazionali

Ci sono differenze nazionali. La protezione dei dati personali nell’uso dello smartphone è più alta in Svezia, più bassa in Croazia.

«Circa un terzo delle persone di età compresa tra 16 e 74 anni non ha mai limitato o rifiutato l’accesso ai propri dati personali durante l’utilizzo o l’installazione di un’app in Croazia (37%) e Repubblica Ceca (36%), nonché in Lettonia (32%) e Lituania (31% ) – evidenzia Eurostat – Al contrario, solo l’11% delle persone di età compresa tra 16 e 74 anni in Svezia non ha mai limitato o rifiutato l’accesso, seguito da Italia, Paesi Bassi e Portogallo (tutti al ​​12%), Belgio, Germania e Slovenia (tutti al ​​13%)».

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)