Commercio, Confesercenti/IPSOS: dal 2019 spariti oltre 52mila negozi, crolla il potere d’acquisto

Commercio, Confesercenti/IPSOS: dal 2019 spariti oltre 52mila negozi, crolla il potere d’acquisto (foto Pixabay)

Commercio, Confesercenti/IPSOS: dal 2019 spariti oltre 52mila negozi, crolla il potere d’acquisto

Frena la capacità di acquisto: -14,7 miliardi in due anni, -540 euro a famiglia. Gli italiani usano i risparmi per mantenere i livelli di consumo (79,9 miliardi in due anni), ma non ci riescono: nel 2023 vendite giù in volume del 3%, -4,7% gli alimentari

I negozi diminuiscono: rispetto al 2019, a fine 2023 si conteranno oltre 52mila imprese del commercio in meno, per un declino complessivo del -7%. È quanto emerge da Il Commercio oggi e domani, lo studio sul futuro della distribuzione commerciale condotto da Confesercenti e IPSOS, presentato oggi a Roma.

“Un’accelerazione del processo di desertificazione – spiega il Rapporto – su cui incide la doppia crisi vissuta dal comparto che, dopo lo stop imposto dalla pandemia, ha visto interrompersi la ripresa a causa degli effetti di inflazione e caro-energia, che hanno eroso la capacità di spesa delle famiglie: negli ultimi due anni, il potere d’acquisto degli italiani è infatti calato di 14,7 miliardi di euro, oltre 540 euro in meno per nucleo familiare. Un vero e proprio crollo, che pesa sul tessuto dei negozi di vicinato più della concorrenza dell’online”.

Commercio, l’offline è il canale più gettonato

Confesercenti e IPSOS hanno condotto un’indagine intergenerazionale su mille consumatori di tutte le età, per analizzate la preferenza per il canale d’acquisto online e offline. Nonostante la progressiva affermazione dell’eCommerce, i negozi fisici continuano ad essere ancora il canale d’acquisto preferito per sei delle nove categorie merceologiche prese in esame.

L’insieme di chi ha acquistato nell’ultimo anno esclusivamente, prevalentemente o qualche volta online è maggioritario, infatti, solo nel comparto ‘viaggi e vacanze’ (dove raggiunge il 72%), elettronica e prodotti tecnologici (62%) e moda (52%). Mentre la quota di clienti che, nello stesso periodo, ha comprato solo, prevalentemente o qualche volta nei negozi fisici è maggioritaria per tutte le altre sei tipologie: articoli e abbigliamento sportivo (54%), cosmetica, profumeria e cura del corpo (58%), arredamento e complementi d’arredo (69%), cibo e bevande d’asporto (69%), prodotti per la pulizia della casa (77%) e alimentari (82%).

Calo del potere d’acquisto e rincari

Frenano i consumi. L’erosione dei redditi reali è stata particolarmente forte già nel 2022, durante il quale si è registrata una perdita di potere d’acquisto di 11,8 miliardi di euro. Una tendenza che purtroppo continuerà anche quest’anno, secondo le stime Confesercenti/IPSOS: nel 2023 il potere d’acquisto delle famiglie subirà un’ulteriore riduzione di 2,9 miliardi di euro e la capacità di spesa raggiunta nel 2021 non sarà recuperata prima del 2027. A pesare, in particolar modo, l’onda lunga dell’andamento al rialzo dei prezzi dell’energia e del gas, cresciuti velocemente negli ultimi due anni.

Per fronteggiare l’aumento dei prezzi, le famiglie hanno dato fondo alle proprie riserve. Nel 2022 gli italiani hanno destinato ai consumi circa 52,9 miliardi di risparmio accumulato dalle famiglie e, senza un’inversione di tendenza – analizza il Rapporto – ne bruceranno altri 27 miliardi nel 2023. Tuttavia, nel 2022 il volume delle vendite al dettaglio è calato del -0,8%. Una dinamica che si è aggravata nel primo trimestre del 2023: tra gennaio e marzo i volumi delle vendite alimentari sono scesi in media del -4,7%, mentre le vendite non alimentari hanno registrato una flessione del -1,6%, per un calo complessivo dei volumi del -3%.

La situazione appare particolarmente grave per alcuni prodotti alimentari specifici. È il caso della pasta, le cui vendite, nel primo trimestre di quest’anno, hanno subito un calo del 10,7% in volume.

Commercio, i negozi di vicinato

Secondo l’analisi Confesercenti/IPSOS, a diminuire rispetto al 2019, in numeri assoluti, sono soprattutto i negozi di moda (-8.553 unità rispetto al 2019, con un calo del -6,3%), anche se le riduzioni percentuali più elevate vengono registrate da Giornali e articoli di cartoleria (-13,5%, per 3.963 imprese in meno). In forte contrazione anche le imprese attive nella vendita di pane e torte, (-6,1%, per 679 attività in meno) e di carni (-5,7%, -1.663 imprese). Più contenuta la perdita per le librerie (-2%, o -112 imprese).

Non tutti i comparti merceologici, però, vanno male. È il caso delle imprese specializzate nella vendita di frutta e verdura, che rispetto all’ultimo anno prima della pandemia crescono del 2%, per un totale di 432 imprese in più. Bene anche i negozi specializzati in Pesci, crostacei e molluschi (+107 attività, per una variazione positiva del +1,2%) e quelli della distribuzione bevande, che aumentano di 291 attività sul 2019, con una crescita del +4,5% rispetto al periodo precedente alla pandemia.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)