La “stracolletta” ha fatto centro: l’iniziativa di sabato lanciata dalla Fondazione Banco Alimentare in via straordinaria – frutto di una vera e propria carenza di cibo: sono circa due milioni le persone povere a rischio aiuti alimentari nei prossimi quattro mesi – ha infatti permesso di raccogliere 4.770 tonnellate di cibo in un solo giorno. La colletta straordinaria è stata organizzata dal Banco Alimentare in oltre 6 mila punti vendita di tutta Italia e il cibo donato verrà distribuito a oltre 8.900 strutture caritative in tutta Italia che assistono ogni giorno quasi due milioni di persone.
Ha detto il presidente di Fondazione Banco Alimentare Onlus Andrea Giussani: “La colletta straordinaria non poteva che avere una risposta straordinaria. Innanzitutto da parte di chi l’ha sostenuta nella faticosa e rapidissima organizzazione: oltre alla sempre viva Rete degli amici del Banco Alimentare, si sono mobilitate anche le migliaia di strutture caritative, con i loro volontari. Le persone che indossavano la pettorina gialla, come volontari della colletta, erano più di 60.000. Abbiamo visto una silenziosa ma entusiasta mobilitazione per una Emergenza Alimentare troppo spesso ignorata: senza clamore, vi è un popolo che sviluppa generosità e operosità, vedendo e rispondendo al bisogno di ogni giorno”.
“Siamo certi che questa grande prova di realismo sarà recepita anche dalle istituzioni – ha aggiunto Giussani – perché esse stesse, per le loro competenze, sappiano velocemente superare ogni complessità burocratica al solo scopo di dare immediata attuazione ai Programmi Italiano ed Europeo di aiuti alimentari, oggi ancor più consapevoli di una priorità nazionale che il gesto della colletta straordinaria ha indicato senza ombra di dubbio”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)