Sprechi alimentari

È passato ormai un mese dall’inizio della Fase 2 che ha dato il via libera alle prime riaperture di esercizi commerciali e negozi, tra cui anche quelli alimentari. In questo settore in particolare, permane però un senso di forte incertezza sull’andamento delle vendite a causa di una minore affluenza nei punti vendita. Per bilanciare questo aspetto, la produzione è stata in molti casi ridotta o tende ad essere superiore al venduto.

L’indagine di Too good To Go

A dimostrazione di tale tendenza, l’App contro gli sprechi alimentari “Too Good to Go”  che permette a ristoratori e commercianti di proporre ogni giorno le Magic Box, “bag” con una selezione a sorpresa di prodotti e piatti freschi, rimasti invenduti a fine giornata, evidenzia che settori come quello delle Panetterie e Take Away hanno registrato un notevole aumento degli invenduti.

Le Magic Box messe a disposizione da  queste categorie di store sono infatti aumentate del 30% rispetto ai livelli pre-Covid contribuendo alle più di 50.000 Magic Box acquistate in un mese di riapertura, corrispondenti a 50 tonnellate di cibo salvato.

Nel complesso la domanda da parte della clientela risulta non intensa e particolarmente intermittente, rendendo complessa la gestione delle materie prime alimentari ordinate ai fornitori e la conseguente quantità di prodotti messi in vendita.

“Per affrontare un momento così complesso servono strumenti rapidi, semplici. Soluzioni digitali come Too Good To Go sono dunque più importanti che mai, come confermano gli esercizi commerciali: il 90% ha infatti dichiarato che vorrebbe appoggiarsi a soluzioni tecnologiche per affrontare questo periodo e in generale la gestione degli sprechi alimentari”, spiega Eugenio Sapora, Country Manager Italia di Too Good To Go.

Sprechi alimentari
Sprechi alimentari, l’App Too Good To Go

L’importanza di essere smart contro gli sprechi alimentari

A confermare l’importanza di strumenti smart sono i dati dell’indagine: gli store presenti sull’app sono aumentati esponenzialmente, in particolare in riferimento ai settori Panetterie e Take Away, che hanno registrato a maggio un incremento di presenze sull’app del 20% rispetto al mese di febbraio. Quest’ultimo settore, tra cui rientra in generale il cibo d’asporto come pizza al taglio, fritti, grab&go etc., mostra la crescita più sostenuta dallo scoppiare dell’emergenza, con un trend che è salito costantemente durante tutta la Fase 2.

Non sono da meno i Ristoranti e pizzerie, la prima categoria a tornare in meno di un mese dalle riaperture ai livelli pre-Covid di disponibilità di Magic Box: sintomo di un forte interesse verso soluzioni antispreco in un momento che presenta incertezza e preoccupazione per la ristorazione tradizionale.

“Se lo spreco alimentare era intollerabile prima dell’emergenza sanitaria, ora lo è ancora di più. Le gravi difficoltà economiche che interessano sempre più persone, ci impongono di fare il massimo per trovare soluzioni che rendano accessibili, a condizioni economiche favorevoli, i prodotti alimentari prossimi alla scadenza. Limitare lo spreco alimentare a vantaggio di un accesso al cibo più democratico per tutti deve essere la vera linea di tendenza”, afferma Alfio Fontana, CSR Manager Carrefour.

 

 

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)