Crolla a luglio la fiducia dei consumatori. Associazioni: famiglie in difficoltà (foto: pexels photo)

Crolla a luglio la fiducia dei consumatori. L’Istat stima infatti, a luglio 2022, una diminuzione dell’indice del clima di fiducia dei consumatori che scende da 98,3 a 94,8. Diminuisce anche l’indice composito del clima di fiducia delle imprese. La fiducia dei consumatori è ai minimi da maggio 2020.

Fiducia dei consumatori ai livelli di maggio 2020

Tutte le componenti dell’indice di fiducia dei consumatori sono in calo. In particolare, il clima economico e quello futuro registrano le diminuzioni più marcate scendendo, rispettivamente, da 93,9 a 84,9 e da 98,8 a 92,9; il clima personale e quello corrente flettono in misura più contenuta passando, il primo da 99,8 a 98,1 e il secondo da 97,9 a 96,1.

La fiducia dei consumatori, rileva l’Istat, raggiunge il minimo da maggio 2020. « Si segnala un diffuso peggioramento di tutte le variabili che entrano nel calcolo dell’indice ad eccezione dei giudizi sull’opportunità di acquistare beni durevoli nella fase attuale».

 

Inflazione e famiglie, crescono le disuguaglianze e le rinunce (foto: pexels-gustavo-fring)

 

Consumatori: guerra, inflazione e ora crisi di governo

Sono dati che i Consumatori collegano alla crisi in Ucraina, al caro prezzi, alla crisi di governo con l’apertura in piena estate della campagna elettorale per le prossime elezioni di settembre.

«La caduta del Governo ha dato il colpo di grazia alla fiducia di famiglie e imprese, già in diminuzione da mesi – dice il presidente Codacons Carlo Rienzi – A ciò si aggiunge l’emergenza prezzi, con il tasso di inflazione alle stelle, e il perdurare della guerra in Ucraina, elementi che hanno letteralmente affossato le aspettative dei consumatori. Il vero pericolo ora è rappresentato dai consumi, perché in un contesto di scarsa fiducia e di prezzi e tariffe in costante crescita le famiglie saranno portate inevitabilmente a ridurre la spesa e rimandare gli acquisti, con enormi danni per l’economia nazionale – conclude Rienzi – Per tale motivo chiediamo a gran voce di inserire nel Dl Aiuti l’abbattimento dell’Iva per i beni primari, in modo da determinare una riduzione immediata dei prezzi al dettaglio e tutelare le tasche delle famiglie in questo momento di emergenza».

«Non si tratta solo dell’effetto Ucraina, caro bollette e caro carburanti, che certo da mesi ha fatto precipitare la fiducia degli italiani, ora ai minimi da maggio 2020 – commenta il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori Massimiliano Dona – Anche l’astensione al Senato sul voto di fiducia al Governo del 14 luglio, che portò Draghi a rassegnare le dimissioni, poi respinte da Mattarella, ha avuto un impatto, anche per le polemiche dei giorni precedenti. Ricordiamo, infatti, che la raccolta dei dati sulla fiducia dei consumatori avviene nei primi 15 giorni del mese. Non va molto meglio per le attese sulla situazione economica della famiglia che, attestandosi a luglio a -35,5, ottengono il triste primato del 4° peggior risultato di sempre».

Famiglie, crisi, Iva

È in questo contesto che i Consumatori si agganciano alla proposta di intervento sull’Iva: il Governo sta studiando la possibilità di azzerare l’Iva su pane e pasta e ridurla dal 10 al 5% su carne e pesce.

Il dato dell’Istat sulla fiducia, dice Federconsumatori, conferma la situazione di incertezza, precarietà e rinunce in cui si stanno muovendo le famiglie. Secondo l’Osservatorio dell’associazione, infatti, le famiglie stanno già rinunciando a carne e pesce, il cui consumo è sceso di oltre il 16%, scelgono verdure e ortaggi più convenienti, spesso ricorrendo alle offerte e ai banchi “last minute” con i prodotti più vicini alla scadenza. Le famiglie che possono concedersi il lusso di partire in vacanza optano per soluzioni low cost (cercando ospitalità presso amici e parenti o prenotando fuori stagione) o riducono la durata del proprio soggiorno. Diminuiscono, inoltre, le spese per la cura della persona e persino le spese per la salute: si tagliano le visite specialistiche non urgenti, le cure odontoiatriche, ma soprattutto si taglia sulla prevenzione.

«Ecco perché abbiamo chiesto, nell’ambito delle disposizioni previste dal DL aiuti bis, una riforma dell’IVA attenta e mirata, utile a superare la fase di emergenza sostenendo le famiglie, soprattutto quelle più in difficoltà che, come dimostrano i recenti dati, sono le più colpite dal forte incremento dell’inflazione – dice Federconsumatori – La proposta che abbiamo elaborato prevedere la revisione delle aliquote su una serie di prodotti essenziali, che genererebbe un risparmio annuo di 531,57 Euro a famiglia (quella media di 2,5 componenti)».

La proposta è quella di affiancare all’azzeramento dell’Iva sui beni di prima necessità una riforma strutturale delle aliquote, che perduri oltre l’emergenza: a iniziare dalla riduzione dell’IVA sui prodotti energetici e sui carburanti, sui generi alimentari essenziali, nonché su altri beni e servizi di prima necessità. «Si tratta di un’operazione doverosa e necessaria, se si intende sostenere le famiglie e scongiurare il rischio di una spirale negativa fatta di contrazione dei consumi, riduzione delle produzioni e delle attività, con effetti deleteri sul fronte occupazionale», afferma Michele Carrus, presidente Federconsumatori.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)