Agricoltura biologica e biodinamica

Agricoltura biologica e biodinamica

Ddl biologico, Cantelli Forti, Pres. Accademia Agricoltura: equiparare il bio alla biodinamica è un errore

Il Ddl sull’agricoltura biologica include anche il mondo del biodinamico. Una iniziativa che ha suscitato polemica. Abbiamo intervistato il Professor Cantelli Forti, il Presidente dell’Accademia Nazionale Agricoltura, per capire i motivi di contrarietà

Il Disegno di legge sull’agricoltura biologica prosegue il suo percorso dopo l’ok del Senato del 20 maggio. In attesa del voto alla Camera prosegue la discussione sulla agricoltura biodinamica. Si legge all’articolo 1 del Ddl: Ai fini della presente legge, il metodo di agricoltura biodinamica, che prevede l’uso di preparati biodinamici e specifici disciplinari, applicato nel rispetto delle disposizioni dei regolamenti dell’Unione europea in materia di agricoltura biologica, è equiparato al metodo di agricoltura biologica”. Sul comma in questione la senatrice Elena Cattaneo ha posto emendamento, poi respinto.

Una parte del mondo scientifico e accademico ha sollevato forti contrarietà rispetto a questa equiparazione. Come riportato da HelpConsumatori nei giorni scorsi le associazioni del biologico ricordano che “in realtà la biodinamica fa parte dei Regolamenti europei del bio fin da luglio 1991 e nel disegno di legge è stata inserita proprio in quanto già oggi certificata biologica”. Oggi abbiamo voluto dare voce a chi guarda con perplessità alla posizione del Ddl rispetto alla agricoltura biodinamica: abbiamo intervistato il Professor Giorgio Cantelli Forti, Presidente dell’Accademia Nazionale di Agricoltura (ANA): “L’ANA definisce l’agricoltura biodinamica scientificamente inaccettabile, in quanto completamente avulsa dai principi di verifica sperimentale e di ripetibilità del dato come rigorosamente richiesto dalla Scienza. L’agricoltura biodinamica è anche completamente avulsa dai metodi di corretta produzione agricola in quanto il suo fondamento è costituito da pratiche esoteriche.

Quando parla di “pratiche esoteriche” della agricoltura biodinamica si riferisce ad alcuni preparati biodinamici come il Cornoletame?

Sì, anche a questi preparati. Molte di queste pratiche sono basate su una visione spirituale antroposofica del mondo, come furono elaborate dal teosofo Rudolf Steiner, inserite nel ragionamento hitleriano della razza pura. Una visione secondo la quale le cosmiche, o altre imprecisate misteriose forze, possano avere azioni positive e favorevoli sulla fertilità agricola.

Eppure questi preparati sono presenti nel Regolamento europeo sull’agricoltura biologica che nell’allegato II recita: “È consentito l’uso di preparati biodinamici”… La normativa europea così come gli agricoltori di tutto il mondo che scelgono il biologico e sono liberi di utilizzare queste miscele. La comunità europea semplicemente lascia liberi gli agricoltori di scegliere. Inoltre, non sono d’accordo con chi ritiene che la biodinamica sia all’origine della agricoltura biologica. La biodinamica si rifà a delle tecniche che richiamano la saga delle streghe e inoltre costa più del biologico e molto di più del tradizionale.

Prof. Giorgio Cantelli Forti
Prof. Giorgio Cantelli Forti

Rispetto alla norma italiana in iter di approvazione quale è il punto di principale disappunto?

Le perplessità rispetto al Ddl 988 riguardano la possibilità di accesso a finanziamenti pubblici per una pratica agricola non basata sul metodo scientifico. Lo sgravio per gli agricoltori avviene tramite dei contributi di produzione all’agricoltura tradizionale o biologica. Se nelle maglie della legge, il biologico diventa “biologico e biodinamico”, il primo farà da ariete al biodinamico per entrare nella “città” delle sovvenzioni alla agricoltura e questa è anche una frode per il consumatori”.

Perché parla di frode per il consumatore?

Il cittadino paga le tasse e parte di questi soldi andrebbero destinati anche a produttori che svolgono una attività agricola priva di fondamento scientifico. Questo significa sprecare denaro pubblico, il denaro che viene dalle tasche dei consumatori. Non solo. Come accennato i prodotti biodinamici hanno alti prezzi di mercato e questo anche perché vi è la convinzione che siano di qualità maggiore rispetto, ad esempio, al convenzionale. Ma non è così. Invito i cittadini a informarsi per poter fare scelte consapevoli. Sul sito dell’Accademia è scaricabile un interessante ed esplicativo scritto del Prof. Antonio Saltini “I pianeti del Sole al gran ballo di Satana: note sull’agricoltura biodinamica”

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello che scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

Parliamone ;-)